Professioni digitali: seo specialist
Professioni digitali: seo specialist

Professioni digitali: SEO Specialist

Professioni digitali: SEO Specialist

Il SEO Specialist è un professionista che svolge un lavoro complesso e delicato, che se svolto correttamente può garantire il successo di un qualsiasi sito web.

Proseguiamo anche questa settimana occupandoci di un’altra professione digitale. Su Internet, si sa, si può trovare tutto: dalle ultime notizie ai regali di Natale, dal numero dell’idraulico agli orari dei treni. Basta digitare alcune parole all’interno di un motore di ricerca ed ecco che si palesa davanti a noi una serie infinita di risposte alla nostra domanda. Sembra quasi magia dal punto di vista dell’utente, ma sotto la superficie questo sistema di catalogazione e indicizzazione delle informazioni richiede un lavoro enorme, in particolar modo se si vuole che una specifica voce compaia prima di tutte le altre. Qui entra in gioco la figura del SEO Specialist.

Farsi trovare in rete

In molti studi è stato dimostrato come, statisticamente, i siti risultati con un posizionamento più alto nelle query di ricerca siano sempre i più visitati. Le persone che cercano qualcosa sul web nel 90% dei casi non vogliono perdere tempo a scorrere i link proposti, limitandosi alla prima pagina nel caso siano particolarmente meticolosi. Questo vuole dire che ottenere un posto “sotto i riflettori” aumenta esponenzialmente la visibilità e, di conseguenza, le possibilità che un sito o un e-commerce  abbiano successo.

Lo scopo del SEO Specialist è appunto “convincere” il sistema di indicizzazione a dare la priorità al sito su cui lavora rispetto a tutti gli altri. Per fare questo esso adotta diverse tecniche di codifica che rendono le pagine più facilmente individuabili tramite l’inserimento di dati chiave in punti specifici del codice. Con questo sistema i bot dei vari motori di ricerca possono catalogare i contenuti secondo parametri stabiliti e inserire i link nei database dei vari search engine. Da qui in poi inizia ad originarsi il cosiddetto traffico organico, cioè la presenza di visitatori che arrivano sul sito web come risultati di ricerca non a pagamento, che potrà trasformarsi in ROI per l’impresa se gestito correttamente.

 

La battaglia del SEO Specialist

Chiarita l’importanza del posizionamento e dell’indicizzazione, chiunque possieda un’attività potrebbe pensare di dedicarsi subito alla SEO nel tentativo di ottenere rapidamente risultati. Lasciate che vi dica una cosa: l’ottimizzazione SEO è un processo che richiede molto tempo e fatica. Si tratta di analizzare migliaia di dati che poi dovranno essere selezionati e codificati correttamente in ogni contenuto del sito, indipendentemente dal fatto che si parli di pagine, articoli o altro. Sperare di ottenere qualcosa prima di 6 mesi di duro lavoro è utopistico.

Bisogna anche tenere in considerazione che non saremo certo gli unici in questa corsa ai primi posti. Ogni azienda sul web punta allo stesso obiettivo e ognuna di esse conosce bene il valore di una buona indicizzazione. Proprio per questo motivo i SEO Specialist devono, oltre ad avere ovviamente una conoscenza profonda della materia, possedere anche svariate competenze trasversali e mantenersi costantemente aggiornati sull’argomento. Spesso basta davvero poco, come un ottimizzazione recente sfruttata prima degli altri, a vincere la battaglia della SEO.

C’è anche un altro fattore da considerare: sua maestà Google. Ad oggi il prodotto sviluppato dall’azienda di Mountain View è diventato il motore di ricerca per antonomasia: questo vuol dire che ogni singola modifica ai parametri dell’algoritmo di ricerca può influenzare positivamente o negativamente tutti gli sforzi fatti finora. I migliori nel campo, proprio per evitare situazioni di questo genere, non si limitano solo a monitorare ogni sviluppo ma testano anche in anticipo queste regole aggiornate in modo da essere pronti non appena le modifiche verranno applicate.

In conclusione il SEO Specialist è una figura che può incidere profondamente sul successo di una strategia aziendale, ma solo se si tratta di un vero esperto.

 

Ti potrebbe interessare
Fake news: si può "pilotare" la verità? - Umberto Macchi - Il Blog
Fake news: si può “pilotare” la verità?