Professioni digitali: blogger
Professioni digitali: blogger

Professioni digitali: blogger

I blogger, nel senso professionale del termine, sono veri e propri articolisti del web, capaci di creare contenuti di qualità e catturare l’attenzione dei lettori grazie alla loro scrittura.

Continuando la nostra serie riguardo le professioni digitali è arrivato il momento di occuparsi dei professionisti della parola scritta: parliamo dunque dei blogger. Nella società di oggi si ritiene che in media le persone leggano sempre di meno, eppure i contenuti testuali rappresentano una percentuale altissima del web. Per quanto video e immagini possano veicolare efficacemente messaggi, non potranno mai competere con la completezza di un articolo per numero di informazioni trasmesse.

Grazie a queste caratteristiche i blog sono in grado di fidelizzare maggiormente un audience rispetto ad ogni altra forma di pubblicazione digitale e, proprio per questo motivo, sempre più aziende ne aprono uno. Per riuscire però a creare un vero blog seguito da migliaia di persone non basta scrivere qualche riga, serve molto di più.

 

Professione blogger

Prima di tutto vediamo di chiarire di cosa stiamo parlando: il blogger, per dare una definizione più in linea coi tempi, è un articolista che scrive e pubblica sul web con regolarità. Al giorno d’oggi infatti esistono sia blogger autonomi che blogger dipendenti. Nel primo caso sia i testi che il sito di pubblicazione vengono gestiti da un’unica persona, che lavora in maniera indipendente. Nel secondo, il blogger viene assunto da un sito/testata online e scrive all’interno di un ecosistema redazionale, solitamente insieme ad altri autori.

In entrambi i casi si tratta di un esperto in un dato settore che esprime il proprio pensiero su vari temi, che possono spaziare dalle ultime notizie di settore fino a considerazioni sul futuro. Lo scopo dei suoi scritti è quello di informare ed intrattenere allo stesso tempo gli utenti del suo blog, facendo sì che essi tornino con regolarità sul sito per leggere nuovi articoli. Questo processo di fidelizzazione è alla base del successo di ogni blog.

 

Tracciare una linea

Molti, leggendo qui sopra, potrebbero pensare che si tratti di un lavoro facile: non potrebbero sbagliarsi più di così. La scrittura professionale, web e non, è soggetta a rigide regole che non  possono essere ignorate. In linea generale chiunque può scrivere, ma saper scrivere è una cosa del tutto diversa. Basti pensare che ogni settore ha un preciso registro linguistico che deve essere usato correttamente e che questo va poi declinato in riferimento al proprio target di lettori. Ora considerate che devono essere continuamente proposti contenuti originali e informativi e aggiungete che in tutto questo l’intero articolo deve pure essere ottimizzato in ottica SEO. Vi sembra ancora facile?

Anche nel caso si fosse in possesso di una grammatica impeccabile ciò non basterebbe. Essere blogger professionisti richiede creatività, grandi capacità comunicative, organizzazione e costanza, in maniera non dissimile da un vero giornalista. Oltre a dover mantenere una produzione qualitativamente elevata è necessario anche che la pubblicazione avvenga con regolarità. Bastano pochi articoli sotto tono o pubblicati al di fuori del periodo stabilito per rischiare una perdita di credibilità e visibilità. Per questo servono professionisti in grado non solo di scrivere articoli, ma anche di saper gestire la creatività a comando.

Il blog insomma è uno strumento di marketing potentissimo, in grado di creare relazioni come nessun altra piattaforma può fare, ma richiede che venga gestito in maniera professionale. Servono figure specializzate e un lavoro accurato, ma i risultati possono essere davvero eccezionali.

Ti potrebbe interessare
TikTok e "La febbre del sabato sera"
TikTok e “La febbre del sabato sera”