Digital Coaching

La profilazione in rete per il nostro business

Come si fa a gestire la profilazione degli utenti in rete?

Come si fa a gestirla per implementare il nostro business?

Oggi giorno è sufficiente entrare in rete per renderci conto di quante sono le aziende, gli enti, i corsi che si premurano di darci queste informazioni per migliorare il nostro business. Quali sono in realtà le strategie più utili? Esiste un modo per comprendere quelle che produrranno un risultato da quelle che possiamo già considerare #fuffa?

Una buona strategia di email marketing non può prescindere da una corretta profilazione degli utenti. Quindi più saremo specifici nella gestione dei profili e nella loro suddivisione secondo criteri di utilità, praticità, conoscenza degli utenti e rapporti interpersonali e più ci sarà prezioso e di ausilio l’utilizzo dei dati creati.

Un altro elemento distintivo è la rilevanza, che è il principale fattore di successo di una campagna: per il suo successo è infatti determinante recapitare email in linea con interessi, abitudini, esigenze e caratteristiche del singolo utente. Sicuramente un lavoro lungo e di precisione, ma il tempo dedicatoci non è sprecato e sarà fondamentale per il resto delle attività da svolgere.

Per aiutare le aziende a capire come fare una corretta profilazione utenti, per spiegare come raccogliere i dati, come personalizzare le email della propria posta elettronica in base al singolo destinatario e per ottimizzare la ROI del canale esistono di certo degli ausili come dispositivi on line che semplificano la gestione del pacchetto, i sistemi di CRM, utilissimi ormai in tutte le aziende, di supporto, ausilio, gestione strategica dei contatti. Soltanto creando comunicazioni personalizzate potremmo assistere a tassi di conversione e di clic unici certamente superiori rispettoai messaggi non personalizzati e soprattutto potremmo vedere e gestire rapporti strapersonali con la nuova fetta di interlocutori. Creare business…è possibile!!!

Fare una profilazione non come esecuzione matematica ma come un vero e proprio percorso di riflessione.

Lascia un commento