Digital e salute: la differenza fra uso e abuso
Digital e salute: la differenza fra uso e abuso

Digital e salute: la differenza fra uso e abuso

L’uso degli strumenti digital sul lavoro è cresciuto enormemente con la pandemia, ma quando questo può sfociare in abuso?

Viviamo in un mondo in cui le distanze sono sempre più relative, dove ogni schermo può portarci in contatto con l’intero pianeta. Il digital ormai è una parte della nostra realtà e durante l’emergenza Covid ha mostrato le sue potenzialità in ogni campo. Tra scuola, sociale e lavoro i campi di applicazione sono stati molteplici ed è soprattutto in ambito professionale che i risultati sono stati apprezzati.

Lo smart working ha cambiato la faccia dell’industria e ha permesso a molte persone di mantenere il proprio posto anche se impossibilitati ad andare in ufficio. Rimuovendo la necessità di recarsi fisicamente sul luogo si sono creati nuovi scenari prima inediti, che possono portare a grandi benefici se sfruttati al meglio. Non è però tutto rose e fiori: ci sono anche dei rischi legati a questo metodo di lavoro che devono venire ponderati attentamente.

Gli abusi e i rischi per la salute

Si tratta sicuramente di un grande traguardo per il digital, che ha potuto mostrare le sue infinite possibilità in ogni ambito. C’è però una cosa che effettivamente potrebbe causare dei problemi: è accaduto tutto troppo in fretta. Sono anni ormai che affermo che i social e le tecnologie digitali rappresentano il presente, non il futuro, in un paese fin troppo ancorato al passato. Adesso, a causa del coronavirus, tutti si sono dovuto forzatamente adeguare nel giro di pochi mesi senza davvero conoscere questi strumenti.

Con una simile “indigestione informatica” è normale che nascano delle complicazioni. Pur non parlando di strumenti innovativi molte persone si sono dovute adattare a sistemi lavorativi, situazioni e ritmi a cui non erano affatto preparati. Per alcuni lavoratori ad esempio questo ha significato il non poter mai tecnicamente “staccare”, creando una fonte continua di stress che e poi sfociata nel burnout.

La sindrome da burnout è una condizione causata da stress intenso e prolungato e presenta diversi sintomi fisici e psicosomatici. Tra questi ci sono emicranie, colon irritabile, insonnia e sintomi psicologici come stati d’ansia, attacchi di panico ed episodi depressivi. È chiaro che un simile stato di salute può influire pesantemente sia sulla sfera lavorativa che privata, portando il soggetto ad accumulare maggior stress e di conseguenza a peggiorare.

Qual è quindi la verità?

La verità, come al solito, sta nel mezzo: non si può giudicare in termini di assoluti ma bisogna valutare ogni caso in maniera a se stante. Stiamo parlando di equilibri che variano da individuo a individuo e quindi è logico che non si possano stabilire limiti esatti. Sta al datore di lavoro e al dipendente stesso valutare l’effetto e l’efficacia dello smart working sul proprio lavoro.

Per esempio in casi di impieghi con bassa interdipendenza da altri lavori e alta autonomia, lo smart working può produrre ottimi risultati. Al contrario posizioni che necessitano di lavorare a stretto contatto con altri reparti e consentono poca autonomia potrebbero non essere adatte al lavoro telematico. Attualmente in Italia la situazione legislativa per il lavoro online non è ancora del tutto definita e per questo è importante muoversi adesso.

Lo smart working farà sempre più parte della nostra vita, inutile pensare il contrario. Quello però che è necessario capire è che non si tratta di un qualche strumento “magico”. Come ogni sistema presenta dei pro e dei contro che vanno valutati attentamente e considerati caso per caso. In un mondo ormai digital sta a noi uomini capire come usare al meglio tutti gli strumenti che abbiamo creato per rendere migliore la nostra vita.

Ti potrebbe interessare
Una chat unica in grado di gestire i messaggi di Facebook, Instagram e Whastapp contemporaneamente avrebbe sicuramente dei vantaggi, ma quali sono i rischi per la privacy? Nell'ultimo periodo, da quando è cominciata l'emergenza COVID-19, sembra che Mark Zuckerberg debba fare almeno un annuncio a settimana: Facebook Shops, Whatsapp Pay, Instagram Reels e molto altro. Questa volta però la notizia non arriva direttamente dalla voce del creatore del social più famoso del mondo, ma da una fonte molto più umile: quella di Alessandro Paluzzi, sviluppatore che di recente ha pubblicato sul proprio profilo Twitter @alex193a alcuni dettagli che su una nuova funzione di chat unica che consentirebbe di scambiare messaggi fra le 3 principali piattaforme della società di Menlo Park, ovvero Facebook, Instagram e Whastapp appunto. Di questa novità aveva già dato alcune anticipazioni Mark nel mese di marzo, anche se le aveva solo come ipotesi. Nello scenario da lui proposto questa chat permetterebbe a chiunque possieda un profilo su una delle tre applicazioni dette in precedenza di poter inviare un messaggio a tutti quelli che abbiano un account Facebook, Whatsapp o Instagram, senza alcuna limitazione. Sembra però che nella versione beta di Instagram analizzata recentemente da Paluzzi compaia la voce "Get Messenger in Instagram", facendo intuire come questa funzione sia già in avanzata fase di sviluppo. Un simile servizio sarebbe di sicuro una rivoluzione, eliminando di fatto le barriere tra piattaforme e permettendo messaggi davvero istantanei. Le aziende soprattutto potrebbero beneficiarne moltissimo in quanto basterebbe mantenere aperto un singolo profilo per comunicare tramite un unico canale con tutti i propri clienti, sia potenziali che effettivi. Dal punto di vista della privacy però questa nuova realtà non potrebbe non essere così idilliaca. Credo che nessuno si sia ancora dimenticato la scandalo di Cambridge Analytica di un paio di anni fa e, nonostante tutte le raccomandazione di Zuckerberg sul fatto che verrà utilizzato lo stesso sistema di criptaggio in uso su Whatsapp per prevenire furti e intercettazioni di dati, legare insieme così tante chat dove ogni giorno a livello globale vengono inviati miliardi di messaggi contenenti informazioni personali, comporta un serio rischio per la sicurezza in rete. Personalmente sono convinto che Mark porterà avanti il progetto in ogni caso, sia che l’opinione pubblica lo sostenga sia che gli dia contro. I potenziali benefici si prospettano di gran lunga maggiori rispetto ai rischi, anche perché il potenziale business derivante da un tipo di comunicazione talmente ampia e diretta è teoricamente incalcolabile. Sarà il tempo però a dirci che strada prenderanno gli eventi.
Facebook lavora alla Chat Unica