Marketing

6 errori più 1 che commettiamo nel gestire le nostre pagine sui social

Scopri come gestire al meglio sui social le nostre pagine!


Quali sono gli errori più comuni che i gestori di pagine social stanno commettendo in rete?

In questo articolo del Blog vorrei parlarvi di un argomento particolare, simpatico nelle sue forme e davvero attuale, cioè la gestione delle pagine sui social, approfondendo con una carrellata di informazioni utili.

Come prima cosa ho notato che l’utilizzo degli Hashtag, ovvero di quei termini “riferimento” sui social non è delle migliori, sia su Facebook che su Instagram. Su Facebook vengono spesso utilizzati ma non hanno alcuna utilità. Gli # infatti non si riferiscono a niente, mentre su Instagram bisognerebbe essere più specifici possibile cercando di geolocalizzare la parola utilizzata e scegliendo il corretto significato concettuale. Spesso, invece, ne vengono indicati pochi e senza molto criterio.

Il secondo errore è non avere un target reale di riferimento. Spesso si chiede di mettere Mi Piace sui nostri contenuti a persone che non sono interessate ai nostri prodotti. Un gradimento da parte di amici e parenti che decidono di seguire i miei social mettendo il loro Mi Piace è certamente ben accetto ma è sicuramente necessario coinvolgere anche altri interlocutori che traducano la nostra presenza sui social in reali opportunità di business, che ci chiedano un appuntamento o maggiori informazioni rispetto al lavoro che facciamo. Su Instagram invece in molti preferiscono 10k di followers finti che 100 reali e possibili clienti. Ricordiamoci che il numero non è tutto.

Il terzo errore che ho avuto modo di vedere è che molte pagine social non hanno una Fan Base che li protegga e quindi basano il loro lavoro su un terreno non curato e coltivato sui cui far veicolare i propri utenti. Prima di investire su argomenti commerciali e che possono tradursi con la conversione bisogna creare una base in cui il visitatore è a suo agio e comprende quale può essere il vantaggio.

Il quarto errore, non da poco, è anche il fatto che in questi profili spesso dimenticano, o non sanno, quanto è importante geolocalizzarsi, per cui non si sa mai esattamente dove il posto si trova privando gli interlocutori di una importante informazione.

Quinto errore è la poca cura del materiale fotografico, spesso infatti le pubblicazioni sono di bassa qualità o, peggio ancora, non vengono prodotte in sufficiente misura. Le immagini, tanto quanto i testi, hanno un ruolo importantissimo per un buon lavoro sui social.

Il sesto errore notato è che non si posta con grande continuità, che le storie e i contenuti non sono poi così interessanti rispetto all’obiettivo iniziale, fondamentale è l’alternanza dei contenuti in una ruota di valori dove andranno scelti con criterio dividere le passioni, lavoro, famiglia ecc…

Infine, ti regalo il sesto + uno errore non da poco è che in molti non conoscono, ovvero le sponsorizzazioni da utilizzare per le proprie pagine. Non tutti sanno come organizzarle, programmarle e metterle a frutto dal punto di vista delle conversioni!

Sponsorizzare con criterio è utilissimo per allargare i confini andando oltre il target che il normale post produce, con lo scopo di fidelizzare nuovi clienti e raggiungendo nuovi contatti!

Spero che queste piccole dritte possano essere utili a te e agli imprenditori del settore che stanno cercando un posizionamento sui social in attesa della conversione. Tutto questo viene amplificato e ben definito sul mio libro Fa’ Che Ti Chiamino Loro! Mi farebbe piacere tu lo leggessi e mi dessi poi il tuo parere!

Ti potrebbe interessare
Smart working per le aziende all'età del Coronavirus
Smart working per le aziende all’età del coronavirus